Ho sempre pensato che il mio carattere frizzante, esuberante e pieno di vita sia stato influenzato dal fatto che sono nata di sabato sera alle ore 21.00, nel pieno segno zodiacale dell’Ariete, ascendente Scorpione!

Chi s’intende un po’ di astrologia non penso che debba leggere altro su di me!

Mio padre mi ha sempre descritta come una ragazza che gli “trema la terra sotto i piedi”, mia sorella come una vera insidia e mia madre come la testarda numero uno al mondo.

Ebbene sì, niente di più vero: quando ho in mente una cosa nessuno me la toglie dalla testa e così lo è per i viaggi.

Affascinata da sempre dall’Asia, il mio primo viaggio ha fatto sì che io me ne innamorassi perdutamente, facendomi ammalare di Wanderlust: la malattia del viaggiatore!

Viaggiare mi ha fatto da subito diventare una persona migliore con una veduta positiva sul mondo, mi ha fatto avere fiducia e stima nella gente.

Quello che per me rende unico e indimenticabile un viaggio è con chi lo condividi: dagli amici di avventura nella frenetica Asia, ai compagni di relax nelle spiagge caraibiche, alle persone che conosci in aeroporto, ma soprattutto agli abitanti dei luoghi che si visitano e che diventano parte di te.

Viaggiare è conoscenza, si arriva a mischiarci con gli altri, ne assaporiamo la cultura, la storia, le tradizioni, i sapori, gli odori.
Viaggiare è amarsi ed amare il prossimo.

 

Torna al Blog